Input your search keywords and press Enter.

Invito a manifestare interesse. Avviso rivolto alle Organizzazioni di Volontariato della Provincia di Pescara

Con il presente avviso il Centro Servizi per il Volontariato Abruzzo – Delegazione Territoriale di Pescara, d’ora innanzi CSV, nel rispetto dei propri doveri istituzionali (Art. 63 del Codice del Terzo Settore: funzioni e compiti dei Centri di servizio per il volontariato) e al fine di favorire una realizzazione partecipata del proprio programma che coinvolga gli attori fondamentali, intende raccogliere manifestazioni di interesse per realizzare, in qualità di capofila, progetti in rete con organizzazioni di volontariato.

L’avviso si inserisce all’interno di un contesto sociale, economico, e istituzionale particolarissimo quale quello determinato dalla pandemia.

Il CSV ha individuato perciò come ambito tematico generale quello dell’ “agire in rete per contrastare più efficacemente le difficoltà legate alla pandemia Covid-19”.

L’obiettivo generale è quello di sostenere i volontari ad affrontare le difficoltà con cui essi si stanno misurando provando a farne anche una occasione di crescita.

La partecipazione del CSV alle spese di ogni progetto è indicativamente di 3000,00 Euro.

Le Associazioni partners possono contribuire alle spese con ulteriori risorse finanziarie. Il Piano Finanziario dettaglierà distintamente le spese finanziate dal CSV.

Per le ODV che compongono la rete proponente, per 1 persona per ogni ODV, è prevista l’iscrizione automatica e la conseguente partecipazione alla Scuola di Progettazione in quanto parte integrante del percorso proposto.

Coloro che manifesteranno interesse per l’iniziativa, con la semplice presentazione, accettano espressamente tutto quanto previsto nel presente avviso e rinunciano ab origine a proporre eccezioni e/o contestazioni di qualsiasi tipo sulle decisioni del CSV.

Alla luce dell’andamento della pandemia COVID 19 il CSV può rivedere in ogni fase i contenuti dell’avviso, fino a prevedere la sospensione delle attività.

La pandemia da coronavirus ha costituito una prova difficile per tutte le Associazioni.
Anche il CSV ha dovuto misurarsi con nuovi e più complessi bisogni delle Associazioni.
Tutti abbiamo appreso lezioni importanti per gestire meglio il futuro. Adesso dobbiamo fare tesoro di quanto l’emergenza ha insegnato.
A titolo indicativo si espongono di seguito alcune aree di intervento su cui lavorare in partenariato accresce sicuramente le capacità delle ODV, ma anche del CSV, di affrontare le difficoltà legate alla pandemia.

Sviluppare le capacità digitali

Il web ha permesso di attuare forme di aiuto a persone in difficoltà in modo talvolta perfino più efficace che “dal vivo”; si è reso evidente inoltre quanto esso semplifichi e migliori molte attività di vita quotidiana delle Associazioni, ma anche quelle finalizzate al loro sviluppo (la formazione in particolare).
Anche nella relazione tra il CSV e le Associazioni si sono rivelate inaspettate potenzialità.
Di contro si sono manifestate nuove difficoltà come ad esempio la tracciatura, al fine della rendicontazione alle Amministrazioni Pubbliche, delle spese sostenute in attività condotte in remoto.
Anche se resta importante agire in presenza per tutto ciò che è possibile, conoscere le tecnologie digitali, saperle utilizzare, diventa quindi una priorità del nostro futuro.

Migliorare la comunicazione

Durante il Lockdown si è resa altresì evidente l’inadeguatezza delle relazioni del volontariato con le Istituzioni. Le Associazioni sono considerate spesso dei “questuanti inopportuni”, nel migliore dei casi degli utili strumenti per realizzare servizi a basso costo.
Occorre cercare di modificare questi atteggiamenti e far sì che le Istituzioni riconoscano le competenze e le esperienze del volontariato come una grande risorsa per sviluppare e migliorare i servizi.
A questo fine è necessario che le Associazioni imparino a lavorare in Rete e a presentarsi, quindi, unite alle Amministrazioni e/o ad altri partners; ed è necessario diffondere la cultura della coprogettazione. Ciò è reso più facile dai chiarimenti intervenuti, in merito alla materia degli appalti, con la legge di conversione del decreto Semplificazioni (si tratta delle modifiche introdotte dalla legge di conversione del decreto Semplificazioni nel Codice degli Appalti relativamente alle procedure che riguardano il Terzo Settore).
Una seconda grande priorità del nostro futuro è quindi quella della comunicazione di ciò che sanno fare le Associazioni di Volontariato nel nostro Territorio. Dobbiamo imparare a proporre progetti. E a saperli comunicare. La delegazione di Pescara del CSV, ma anche molte Associazioni, già fanno una buona comunicazione. Farlo però insieme e per ambiti di interesse comuni renderebbe sicuramente questa pratica più efficace.

Promuovere una nuova leva di volontari

La pandemia ha generato volontariato. Molte sono le persone che si sono messe in gioco, o hanno pensato di farlo, per la prima volta. Dobbiamo fare tesoro di queste disponibilità. Idee che ci aiutino a progettare come tenere viva questa “onda emotiva” rappresentano una terza importante priorità del nostro immediato futuro.

Potenziare strutture e servizi per rafforzare le attività

Molte Associazioni sono già ripartite, ma tra mille difficoltà. Esse hanno fatto esperienza di come da sole sia difficilissimo riavviare le attività: occorre infatti affrontare nuove esigenze quali ad esempio i maggiori spazi, i trasferimenti dei volontari e delle persone di cui essi si occupano (per molti disabili che prima del Lockdown si muovevano in autonomia ricominciare a muoversi da soli è di nuovo molto difficile).
Proviamo a trovare soluzioni comuni. Ovviamente non pensiamo al finanziamento di sedi o piuttosto di mezzi di trasporto; bensì alla individuazione in comune di modalità organizzative e di risorse pubbliche e private.

Formazione, ricerca e documentazione

Tutte le idee progetto dovranno fornire uno spazio significativo a questi ambiti di attività che sono trasversali a tutte le aree di intervento.

Altre Aree di intervento

Le idee progetto potranno far riferimento anche ad aree di intervento diverse da quelle indicate purché il loro contenuto abbia comunque come obiettivo quello di contrastare le difficoltà legate alla pandemia. Sono ammesse spese per i dispositivi di sicurezza, per la protezione dal Covid19, solo quando indispensabili allo sviluppo delle idee progettuali.

Attraverso la Manifestazione d’Interesse il CSV intende raccogliere idee progetto proposte da reti composte da almeno tre OdV denominati anche partner.
Possono offrire una collaborazione, anche finanziaria, allo sviluppo dei progetti enti pubblici e/o scuole e/o imprese profit e/o soggetti non profit diversi dalle ODV, di seguito denominati collaboratori.

Le fasi per addivenire alla definizione di progetti dotati di tutte le condizioni di cantierabilità sono due.
La prima, in cui vengono proposte e valutate le idee progetto presentate dai partner;
la seconda, in cui le idee progetto ritenute, ad insindacabile giudizio del CSV, meritevoli di sviluppo, diventeranno progetti pronti per l’attuazione.
Nella prima fase i collaboratori verranno indicati a titolo meramente indicativo.
Nella seconda fase verrà chiesto ai collaboratori di sottoscrivere una scheda dove essi indicheranno quale contributo vorranno fornire alla attuazione del progetto.
Salvo eccezioni tutti gli incontri avverranno su piattaforma digitale (Zoom).

La prima fase

Le reti di Organizzazioni di Volontariato della Provincia di Pescara potranno manifestare interesse per questa iniziativa non oltre le ore 24.00 del 30/11/2020 inviando una mail all’indirizzo manifestazione_interesse2020@csvabruzzo.it  con oggetto “Manifestazione d’Interesse per la realizzazione di progetti in partenariato 2020”.
Qualora si presentino le condizioni il CSV ha la facoltà di indicare ulteriori scadenze temporali per la presentazione di nuove idee progetto.
La domanda dovrà essere presentata tramite un referente (mandatario) delegato dai partner.
Alla mail le reti dovranno allegare la Manifestazione d’Interesse sottoscritta da tutti i referenti delle ODV proponenti e una relazione tecnica di lunghezza non superiore a 5000 caratteri, spazi inclusi, con il seguente contenuto:

  • la partnership: le organizzazioni di volontariato in rete devono essere minimo tre e ogni ODV può partecipare ad una sola rete
  • l’area di intervento prevalente per la quale si manifesta interesse con una breve descrizione delle esigenze e bisogni individuati e l’esplicitazione del contenuto innovativo
  • il titolo dell’iniziativa/progetto e la descrizione sintetica
  • il territorio in cui si prevede in concreto la realizzazione delle attività (Comuni, ma anche quartieri della città di Pescara)
  • gli accorgimenti per evitare di interrompere le attività in caso di nuovo lockdown
  • i collaboratori.

I Documenti da allegare

La Manifestazione d’Interesse (Allegato 1) rivolta al CSV dovrà recare il nominativo e i recapiti di un referente del progetto per ogni Associazione nonché i loghi e le notizie anagrafiche di tutte le ODV proponenti (Nome, codice fiscale, indirizzo e contatti delle Organizzazioni e dei rispettivi legali rappresentanti).
All’interno della Manifestazione d’Interesse viene indicato il mandatario.
Alla manifestazione d’Interesse dovranno essere altresì allegati:

  • per le ODV iscritte al Registro Regionale, l’autocertificazione (Allegato 2); per quelle non iscritte copia dell’atto costitutivo e dello statuto contenente l’attestazione della registrazione presso l’Agenzia delle Entrate
  • l’informativa in materia di privacy (Allegato 3) (che andrà sottoscritta da tutti i partner ed eventuali collaboratori)

Il processo di valutazione

Il CSV procede alla verifica della correttezza dei requisiti formali in ordine di arrivo delle proposte e comunica i risultati della verifica via mail agli indirizzi mail dei mandatari.
Solo per le proposte che hanno superato positivamente questa prima soglia il CSV procede a valutare la coerenza della idea-progetto proposta con la finalità dell’avviso, la qualità della analisi di contesto, la coerenza tra l’analisi del contesto e l’idea-progetto proposta.
Anche di questa valutazione verrà data comunicazione agli interessati.
L’elenco delle idee progetto ritenute meritevoli di sviluppo e dei partner proponenti verrà reso pubblico sul sito del CSV.
Le valutazioni del CSV saranno oggetto di giudizio insindacabile.

La seconda fase

Entro trenta giorni dalla data di scadenza dell’Avviso il CSV convocherà, secondo un calendario definito dallo stesso CSV, le Reti le cui idee progetto saranno ritenute meritevoli di sviluppo.
Nelle riunioni verrà condivisa tra il CSV e le Reti la tabella di marcia della seconda fase, che deve concludersi nei successivi 60 giorni; il CSV fornirà a tutti i partecipanti le linee guida per la progettazione.
Verrà inoltre formalizzato il gruppo di lavoro al quale parteciperanno tutte le ODV componenti la rete.
Fatta salva una azione di tutoraggio da parte del CSV lo sviluppo progettuale è a carico esclusivo delle Reti.
Le linee guida riporteranno indicazioni di dettaglio.
In questa sede vengono elencati i capitoli su cui si dovranno articolare i progetti.

I contenuti del progetto

Oltre allo sviluppo dei contenuti della scheda della Manifestazione d’Interesse il progetto conterrà le seguenti informazioni:

  • La durata (che non potrà comunque superare il termine del 31 Ottobre 2021)
  • I risultati attesi
  • Le attività
  • Il ruolo dei partner e dei collaboratori
  • Il fabbisogno finanziario articolato per voci di spesa (le spese per il coordinamento del progetto non potranno superare il 20% del valore complessivo del progetto; l’80% delle risorse devono quindi essere direttamente impegnate nella gestione delle attività progettuali)
  • Le risorse umane che si pensa di impegnare distinguendo i volontari dai professionisti che non dovranno essere di numero superiore alla metà dei volontari impegnati.

Al progetto dovranno essere allegate le dichiarazioni (singole) dei collaboratori (Allegato 4)

Prima della approvazione del progetto da parte del CSV i rappresentanti legali delle ODV partner accetteranno integralmente con atto formale tutti i contenuti del progetto.

La chiusura contabile dei progetti è prevista per il 30/11/2021.
I progetti dovranno concludersi entro il 31.10.2021, a pena di esclusione.

Il CSV, capofila della attuazione, coordinerà tutte le attività.
Verrà fornito alle Associazioni partner un Manuale per l’attuazione e per la rendicontazione. Anche di questo Manuale i rappresentanti legali delle ODV della Rete prenderanno atto formalmente.
Una parte delle operazioni del progetto verranno attuate dai partner ma il circuito amministrativo e finanziario è di esclusiva responsabilità del CSV.
Ogni progetto finanziato verrà fornito di un CUP che dovrà essere citato in tutti i documenti contabili.

Insieme alle Linee Guida per la progettazione e al Manuale per l’attuazione e la rendicontazione, il CSV metterà a disposizione di ogni Rete un tutor che monitorerà anche la fase di attuazione.
Il Piano di Comunicazione verrà curato direttamente dal CSV.
Tutta la fase di progettazione e, a seguire, le fasi di attuazione e rendicontazione del progetto, verrà accompagnata da iniziative della Scuola di Progettazione e dello Sportello della Sostenibilità.

Scarica l’ALLEGATO 1_MANIFESTAZIONE D’INTERESSE

Scarica l’ALLEGATO 2_DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 D.P.R. 4452000

Scarica l’ALLEGATO 3_ INFORMATIVA IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI

Scarica l’ALLEGATO 4_ DICHIARAZIONE DI COLLABORAZIONE

Scarica in pdf l’AVVISO_MANIFESTAZIONE D’INTERESSE 2020

Pescara lì 29/10/2020

Delegazione Territoriale di Pescara
CSV Abruzzo