Input your search keywords and press Enter.

Ventidue anni dalla parte dei cani: intervista all’Associazione “Qua la Zampa”

Nata nel 1997, l’Associazione “Qua la Zampa” gestisce il canile di Popoli e opera quotidianamente nel recupero dei randagi, collaborando strettamente con la popolazione di tutto il territorio. Noi abbiamo intervistato il presidente Daiana Di Michele per farci raccontare la sua realtà.

Cosa vi ha spinto a costituire l’Associazione?

L’Associazione è stata costituita nel 1997 da alcune persone che si occupavano dei tanti cani randagi presenti sul territorio e che pensarono, quindi, di strutturare la loro attività per poter interagire con le istituzioni e per acquisire maggiore visibilità.

Come agisce l’Associazione?

L’Associazione gestisce il canile comunale e opera in una costante attività di recupero dei cani randagi e di assistenza dei cani registrati ma liberi sul territorio. Svolge attività di sensibilizzazione contro l’abbandono e a favore della sterilizzazione. Ci spendiamo molto nella campagna adozioni. Nell’anno 2018 abbiamo trovato famiglia a 38 cani. Nell’anno in corso, sono stati già adottati 23 cani. 

-Che ruolo avete nel recupero dei randagi?

Abbiamo un ruolo fondamentale in quanto riceviamo, direttamente dalla popolazione, segnalazione sulla presenza di nuovi cani randagi sul territorio o su condizioni di pericolo o malattia dei cani liberi presenti. In accordo e con la collaborazione della ASL, i cani vengono recuperati, curati, ricoverati nel rifugio comunale o, se possibile, rilasciati sul territorio e successivamente controllati. Le femmine vengono sempre sterilizzate prima di essere, eventualmente, rilasciate. Cerchiamo per tutti e, soprattutto, per i tanti cuccioli, di trovare delle buone adozioni.

-Che rapporto avete con le istituzioni?

Gestiamo il canile comunale attraverso regolare stipula di una convenzione annualmente rinnovata. Considerando le difficoltà economiche in cui versano tutti i Comuni, i rapporti sono faticosi ogni qual volta è necessario apportare delle migliorie alla struttura o stabilire la retta giornaliera per gli ospiti ma, tutto sommato, l’amministrazione ha sempre dimostrato sensibilità e risposto positivamente. Del resto, il nostro è uno dei pochi paesi di zona che può vantare la presenza di un canile comunale.

Raccontateci un aneddoto sulla vostra attività.

Qualche anno fa, ricevemmo una segnalazione di una cagnolina che aveva partorito in una piccola grotta di tufo. Intervennero anche la ASL e i Vigili del Fuoco e i cuccioli furono recuperati tutti tranne uno che si era nascosto in un angolo inaccessibile dall’esterno. L’ingresso era molto stretto e il tufo un materiale estremamente friabile, pertanto i Vigili ritennero di non procedere oltre. Una delle volontarie, caparbiamente, si infilò nell’apertura (con i Vigili che le urlavano di uscire) e riuscì a prendere il cucciolo che fu chiamato Pippo e che fu adottato, qualche mese dopo, da una bella famiglia. A volte, i volontari fanno cose che non andrebbero mai fatte perché il pensiero di lasciare un cucciolo a morire è talmente intollerabile da spingere anche ad azioni sconsiderate.

-Avete eventi in programma per l’estate e l’autunno? 

L’11 agosto abbiamo in programma l’annuale “Passeggiata a 6 zampe”. Il 14 agosto avremo uno stand dedicato nell’evento “Notte bianca per i bambini”, organizzato nell’ambito del Ferragosto Popolese, mentre a settembre è prevista una colletta alimentare al Conad di Popoli. Il 6 ottobre organizzeremo, nell’area sgambamento comunale, il “Villaggio del cane”, con presenza di un veterinario, una educatrice cinofila, una tolettatrice. Nel periodo natalizio, poi, parteciperemo come ogni anno agli eventi messi in campo dall’amministrazione comunale e da altre associazioni del territorio.

 

“Qua la Zampa” contatti:

tel. 3248728391

mail: qualazampapopoli@gmail.com 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *