Input your search keywords and press Enter.

Al via la Festa dei Popoli 2018

Per la prima volta la Festa dei popoli, la kermesse della conoscenza e dell’integrazione organizzata dall’arcidiocesi di Pescara-Penne attraverso la Caritas, lascia Pescara per approdare al Teatro del mare di Montesilvano che sabato 16 e domenica 17 giugno ospiterà la nona edizione.

L’appuntamento intitolato “Noi siamo mondo”, che farà conoscere usi e costumi di 16 comunità straniere presenti sul territorio col coinvolgimento di 18 associazioni culturali, sarà un’occasione importante per il multietnico tessuto sociale della quarta città d’Abruzzo: «Un anno fa – ricorda il sindaco Francesco Maragno – all’indomani dallo sgombero delle palazzine di via Ariosto, abbiamo costituito il tavolo dell’integrazione con 30 realtà tra associazioni, sindacati e soggetti del terzo settore impegnati in progetti con le comunità straniere, con l’obiettivo principale di redigere un regolamento che disciplinasse il comportamento tra le comunità e il Comune e tra le comunità. Regolamento valutato dai portatori d’interesse come il miglior documento mai preparato».

Un percorso verso un’integrazione serena, portato avanti anche attraverso la conversione del sistema di accoglienza degli immigrati dai Centri di accoglienza straordinaria allo Sprar: «Un lavoro – sottolinea Corrado De Dominicis, vice direttore della Caritas diocesana – che punta dritto ad un’accoglienza basata su integrazione e inclusione, favorendo la coesione sociale. E abbiamo pensato di organizzare la Festa dei popoli a Montesilvano proprio per avere un’occasione in più per vivere concretamente l’inclusione e l’integrazione, conoscendo l’altro superando i pregiudizi».

Tra l’altro, alla Festa dei popoli si è arrivati dopo un anno di preparazione: «Abbiamo collaborato anche con le scuole – racconta Luigina Tartaglia, responsabile dell’Ufficio mondialità Caritas – non a caso domenica 17 alle 17.30 le classi quarta B e C dell’Istituto comprensivo Delfico, terranno uno spettacolo che sarà la restituzione al pubblico del lavoro svolto durante l’anno scolastico».

L’evento avrà inizio sabato 16 giugno alle 18, con la restituzione dei laboratori svolti dagli ospiti degli Sprar a cui seguiranno canti e balli a cura dei popoli presenti fino alle 21.30, quando salirà sul palco Giacomo Zuccarino per il concerto folk “Lute lumè”. L’indomani, alle 10, riapertura degli stand dei popoli con attività di musicoterapia per ragazzi e laboratori per scoprire, ad esempio, la cerimonia del tè in Eritrea o la lavorazione del cacao nella Repubblica Dominicana.

E poi treccine africane, profumi arabi e merletti ucraini. Gran finale, alle 19, con la sfilata dei popoli da viale Europa al Teatro del mare, attraverso il lungomare, e il concerto della band salentina Après la classe alle 21.30: «Sarà questo – precisa Ottavio De Martinis, assessore agli Eventi – il grande appuntamento d’apertura dell’estate montesilvanese».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *