Input your search keywords and press Enter.

Modello Eas, obbligatorio comunicare le variazioni di dati

Entro il 31 marzo dell’anno successivo le associazioni già tenute all’obbligo di invio del modello EAS e in cui si sono verificate delle variazioni di dati fiscali rilevanti sono tenute ad un nuovo invio. Questo obbligo non sussiste se è variato il Presidente, il cui nominativo va però comunque segnalato all’Agenzia delle Entrate.

Le associazioni tenute all’invio del modello EAS e ora ad un nuovo invio se sono variati dati fiscali rilevanti sono quelle che ricevono quote associative o corrispettivi per beni e servizi dai propri soci e si avvalgono dei benefici fiscali previsti dall’art. 148 del Testo Unico delle Imposte sui redditi che consentono di detassare questo tipo di entrata.

Sono in ogni caso esenti le Onlus, comprese le Onlus di diritto come le Organizzazioni di Volontariato iscritte al Registro Regionale previsto dalla L. 266/91, purché non svolgano attività commerciali, mentre le Associazioni di Promozione Sociale iscritte al Registro Regionale previsto dalla L. 383/00 sono tenute alla compilazione ma in forma semplificata.

Non è obbligatorio presentare un nuovo modello nel caso in cui, nella sezione “Dichiarazioni del rappresentante legale”, si verifichi una variazione dei soli dati relativi agli importi di cui ai punti 20 (entrate da sponsorizzazioni) e 21 (costi per messaggi pubblicitari per servizi a pagamento erogati dall’associazione), oppure del numero e dei giorni delle manifestazioni per la raccolta di fondi di cui al punto 33, oppure dei dati di cui ai punti 23 (totale entrate), 24 (numero soci), 30 (erogazioni liberali) e 31 (contributi pubblici).

Se a variare è stato soltanto il nominativo del Presidente, non è necessario inviare un nuovo modello EAS ma la variazione va comunicata all’Agenzia delle Entrate locale utilizzando lo stesso modulo compilato per la richiesta del codice fiscale al momento delle costituzione dell’associazione (modello AA5/AA6).

E’ invece obbligatorio mandare un nuovo modello se sono variati altri dati, ad esempio se vi è stato il rinnovo delle cariche e sono variati i nominativi dei consiglieri, se l’associazione ha iniziato a vendere beni o servizi, se ha assunto personale dipendente, se, in caso di possesso di partita IVA, ha optato per il regime fiscale agevolato previsto dalla legge n. 398 del 1991, ecc. Il modello va compilato anche nelle parti che non hanno subito variazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *