Input your search keywords and press Enter.

Dai andiamo, troviamoci a Rimini

In una poesia di Karol Wojtyla dedicata alla Veronica, colei che asciugò il volto di Gesù sulla strada del calvario, possiamo rinvenire il titolo del meeting di quest’anno “Nacque il tuo nome da ciò che fissavi”. Nella poesia è riassunto tutto il desiderio dell’uomo, quello di vedere nel profondo delle cose e degli uomini, fino a che lo sguardo penetri l’essenza di ciò che abbiamo davanti. Uno sguardo così ci rende più veri, fino a che ciò che guardiamo si imprime nel cuore come memoria vivente, restituendoci a noi stessi. Questo modo di guardare ci cambia e ci fa nascere come nuovi soggetti protagonisti della storia. Che vorrà dire questo invito a guardare così per noi che operiamo nel volontariato? Per l’esperienza che facciamo ci è capitato di vedere davvero fino alla commozione, una commozione che ci fa muovere carichi di desiderio davanti a ciò che tentiamo di servire: l’altro da noi.

Dunque nella settimana che si aprirà a Rimini dal 18 al 24 agosto, potremo donare ed incontrare questo sguardo nei volti di tante persone che ci racconteranno la loro esperienza di vita, mettendola ai nostri piedi perché possa esserci di compagnia nel nostro cammino umano.

Sono donne e uomini provenienti da mondi diversi, per nazionalità e/o cultura, tante storie di vita che si trasformano in occasioni d’incontro con gli altri, per conoscere ed ampliare la nostra rete di relazioni.

Ci saranno, tra tanti altri, anche importanti incontri legati al tema dello sviluppo sostenibile dell’agenda 2030, l’economia civile e, naturalmente, la gratuità ed il terzo settore. È un invito per tutti ad andare a vedere questa grande piazza, densa di umanità, nella quale tantissimi si affacciano alla ricerca di un di più, di una risposta al desiderio di bene di vero e di giusto che hanno nel cuore.

È l’occasione di ri-scoprire come è nato il nostro nome fissando ciò che amiamo e serviamo, senza censurare nulla di ciò che accade nel mondo: i cambiamenti, le opportunità, le difficoltà, le fatiche e le insidie che le circostanze del vivere portano con sé.

Dai andiamo, troviamoci a Rimini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *